Sotto l’insegna… le marche

Marco Anversa

Una catena di negozi dedicati all’arredamento che fa riferimento a un’idea di stile espressa da un’azienda senza essere rigidamente monomarca. La strategia di Casa Anversa è sempre stata questa: proporre le collezioni della casa madre mantovana, ma essere anche finestra sul mondo delle produzioni globali di accessori per l’arredo. Ora il progetto si affina e muta grazie all’inserimento di marchi primari come partner nella costruzione del mix d’offerta – primo fra tutti DaunenStep, ovvero l’eccellenza nel piumino d’oca. Un passo che da nuova luce e ancor più forza all’idea distributiva nata nel 2007 per volontà di Marco Anversa.

Era il 2007 quando il progetto fortissimamente voluto da Marco Anversa prese forma e debuttò nelle piazze d’Italia. La sua insegna – Casa Anversa – fu la concretizzazione di un’idea coraggiosa: dare forma e sostanza alla distribuzione diretta, con la formula del franchising, non solo a collezioni di biancheria per la casa ma a un vero e proprio concetto d’arredamento trasversale, espressione del gusto e della capacità di selezione di una famiglia tessile operante da sempre nel campo del tessile per l’arredo.

Sono passati sei anni da allora, il mercato è profondamente cambiato, della crisi è inutile specificare perché tutti la conoscono, eppure Casa Anversa prosegue nella sua corsa mantenendo il “pallino” in mano grazie a un pool di quindici negozi sparsi sul territorio nazionale – più al Centro-Sud che al Nord – che hanno ormai costruito una solida base di pubblico e clientela. La strategia di Casa Anversa, fin da subito, fu quella di costruire una selezione di prodotti marcati in proprio sulla base della grande collezione biancheristica della casa madre, a sua volta integrata da una serie di oggetti d’arredo selezionati dai titolari dell’attività. Nessun marchio esterno (salvo le licenze di Anversa – Byblos e RoccoBarocco) però sarebbe comparso entro i negozi della catena. Ora si cambia. Alla luce dell’esperienza acquisita e delle indicazioni di mercato Marco Anversa ha deciso di cambiare strategia, inserendo una serie di specialisti molto noti in alcuni segmenti merceologici nei quali l’impresa madre non è presente. «Il bilancio di questi primi sei anni di attività – spiega Marco Anversa – è assolutamente positivo e proprio in questo periodo così complesso si è dimostrata la bontà dell’idea iniziale. L’iniziativa Casa Anversa ci permette di essere solidamente sulla strada, di avere un rapporto costante col consumatore finale e di mantenere un flusso di liquidità importantissimo in una fase di basse vendite e pagamenti in sofferenza. In sei anni, però, abbiamo capito molte cose: prima fra tutte è la necessità di costruire un mix d’offerta non solo innovativo – come abbiamo cercato di fare fin dall’inizio – ma completo e puntuale, inserendo appunto una serie di eccellenze basate su marchi originali conosciuti per la loro qualità e affidabilità»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here